Allenare le imprese al cambiamento

Fino a qualche anno fa in Italia, quando si parlava di coaching, si pensava per lo più a qualcosa che avesse a che fare con l’allenamento sportivo, di sicuro non con il mondo delle imprese, fiore all’occhiello dell’economia del Nordest, che funzionavano sempre e comunque senza bisogno di alcun allenamento.

L’allargamento dei mercati e la crisi economica hanno definitivamente messo in crisi l’idea di azienda basata su un modello immutabile e duraturo: oggi la grande sfida delle imprese è quella di sapersi reinventare continuamente adattandosi a richieste ogni giorno diverse.

I fatti e i numeri hanno dimostrato che quasi mai le aziende riescono da sole ad uscire da una situazione di impasse. Da qui il bisogno di richiamare una figura esterna come il coach, capace di accompagnare l’imprenditore e il manager ad individuare le criticità strutturali e relazionali per convertirle in opportunità di trasformazione e miglioramento.

I primi centri di riferimento per il coaching aziendale in Italia diventano da subito Milano e Roma, dove convergono tutti quegli imprenditori e manager che non vogliono farsi travolgere dal cambiamento, ma accoglierlo e trasformarlo in opportunità di crescita. 

Oggi anche il Veneto, territorio brulicante di attività artigianali e industriali, ha compreso che puntare solo sul rinnovamento tecnologico non basta più, serve riprendere in mano l’assetto imprenditoriale in senso più ampio. Il coaching sistemico si è dimostrato lo strumento più efficace per rinnovare le competenze potenziando la consapevolezza di ogni identità aziendale, convertendo, grazie all’intervento di professionisti specializzati, vecchie strutture rigide, ormai incapaci di assolvere alle richieste del mercato, in strutture elastiche e resistenti.

Gli step fondamentali della trasformazione consistono nel riconoscere i punti di forza e di fragilità di ogni struttura, nel focalizzarsi sui primi e quindi nell’individuare strategie organizzative efficaci e modalità relazionali funzionali alla risoluzione di situazioni complesse.

L’esperienza ripetuta con ottimi risultati in diversi contesti e situazioni, ha portato più figure attive in questo ambito, all’idea di creare una struttura che riunisse in un unico luogo un modo diverso di fare impresa: nasce così C-LEAN (Coaching & LEAN), un luogo, ma soprattutto un metodo. 
L’idea di Silvio Bartolomei, coach aziendale, o – come preferisce essere chiamato lui – coach sistemico, è quella di creare, in uno spazio lontano dal frastuono della città e delle zone industriali, una sinergia tra professionisti capaci di sostenere le aziende nei momenti del cambiamento, attraverso corsi, seminari, incontri ed esperienze. Una sorta di osservatorio attivo sull’economia del Nordest e situato alle pendici dei Colli Euganei, sopra le vaste province di Padova e Vicenza.

Tutto questo oggi è diventato più che un’idea: una realtà che si identifica con il nome 4Coaching e che opera attraverso il metodo C-LEAN, divenuto anche un libro edito da Edizioni Proget, un vademecum per accompagnare imprenditori e manager a rivedere i processi aziendali.
La chiave di volta di tutto questo nuovo modo di rapportarsi con il modo del lavoro consiste nel saper leggere ciò che accade in ogni realtà aziendale alla luce di una visione più ampia finalizzata  alla costruzione di un futuro in cui il lavoro non rappresenti più una condanna, ma il luogo dove poter realizzare le proprie doti e la proprie dimensioni.

L’obiettivo di tutto questo è riscoprire quanto le relazioni orientate ad un pensiero costruttivo  e propositivo, attraverso una visione chiara e lucida, siano una necessità fondamentale per allenare e migliorare le performance aziendali.

In qualsiasi sport per raggiungere il risultato ci vuole determinazione e allenamento. Così vale anche per le imprese.
Oggi, dopo quasi sei anni di attività al fianco di imprese familiari, P.M.I. e grandi aziende, Silvio Bartolomei apre la sua esperienza alle richieste del territorio offrendo una serie di servizi e attività mirate ad accompagnare gruppi, o singoli, verso le nuove richieste del mondo del lavoro, mettendo a fuoco, attraverso l’uso del metodo C-lean,  obiettivi e strategie indispensabili per il raggiungimento degli obiettivi , in armonia col benessere individuale della persona e con lo scopo finale di ottenere aziende performanti e felici.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *