REMOTE, SMART, oooo ...

REMOTE, SMART, oooo ...

Finalmente qualcuno si pone degli interrogativi seri ...

Innanzitutto, poniamo attenzione alla semantica delle parole:

  • con "remote" o "lavoro da remoto" si lavora a distanza;
  • con "smart" si intende un lavoro gestibile in modo semplice, misurabile, accattivante, riproducibile e temporizzato;
  • con "agile" si intende un lavoro interattivo, moderno, snello, che vada oltre - comprendendo - la LEAN, Kanban e tutto ciò che utile allo scopo;

Finora, di tutti i casi e situazioni di cui ho sentito parlare, il datore di lavoro ha attivato al 90% lavoro da remoto e in remoto. Forse un 10% in modalità SMART e AGILE. Sulle parole SMART e AGILE ci sono fiumi di libri, molto interessanti, ed eloquenti spiegazioni, corsi, attività, società di scopo, e molto di più!

E' altrettanto conosciuto che il lavoro da casa crea più facilmente "bornout" più di quanto non si creda! Ed è altrettanto ritenuto patrimonio comune che è tutto da verificare che il lavoro da casa sia più efficace di quello in ufficio. Circa l'efficienza è un parametro molto soggettivo pertanto ancor più opinabile. Le variabili dell'efficienza sono per lo più legate a capacità individuali di autorganizzazione, disponibilità del responsabile a delegare, del PM a costruire un flusso di processi, prassi e procedure adatte allo scopo e all'obiettivo, chiare, tracciabili e riproducibili, a costi proporzionati.

Quindi se riflettiamo un attimo con attenzione è logico pensare - e sostenere - che non tutti i lavori siano efficaci ed efficienti in o da remoto, e che la natura umana non è fatta per stare per 24h dentro una "cella", che sia una stanza, un appartamento, o una villa o un castello, o "torre d'avorio" in tutti questi casi le fiabe narrano questi luoghi come galere, segrete, segregazioni e quant'altro.

Che dire poi del DAD ? Che bambini vogliamo un domani? Che interattività sociali pensiamo di avere se lo sforzo semplificato è burocratico?

Ad ognuno le sue risposte, anche se personalmente spero che tutto questo abbia presto un fine, una svolta, un reale ripensamento a beneficio degli esseri umani, della loro creatività, del loro desiderio di connettersi e connettere se stessi con l'altro e con l'Infinito!

Alternativa ? è che si materializzi MATRIX !


Stampa   Email

Leggi anche